Ospedale San Raffaele, Milano

Trattamento DBT per pazienti con disturbo da uso di alcol e altre sostanze

La Terapia Dialettico Comportamentale (Dialectical Behavior Therapy – DBT) é un programma terapeutico “evidence based”, a orientamento cognitivocomportamentale, che offre al paziente un trattamento psicologico intensivo. Dal punto di vista teorico il trattamento si fonda sulla teoria biosociale individuando, come ipotesi eziologica del disturbo di personalità, l’esistenza di una relazione bidirezionale tra disfunzione biologica del sistema di regolazione emotiva e disfunzionalità della comunicazione con l’ambiente sociale di riferimento, definita invalidazione. Questo sistema circolare viene individuato come responsabile della caratteristica disregolazione emotiva di questi pazienti.

La presa in carico

Il trattamento é riservato a soggetti abusatori e dipendenti da alcol, in eventuale comorbidità con altre sostanze, con personalità borderline e/o comportamenti impulsivi o autolesivi, ricorrenti durante l’intero arco della vita e non direttamente correlati all’abuso di sostanze.
Sono esclusi dal trattamento soggetti con presenza di sintomi astinenziali/dipendenza fisica (che effettueranno prima un ricovero di disintossicazione) e con diagnosi di:
– Psicosi
– Disturbi alimentari
– Ritardo mentale
La valutazione dei pazienti prevede:
visita psichiatrica, assessment psicologico e restituzione/proposta di trattamento

Il trattamento

E’ prevista una fase di pretrattamento composta da colloqui motivazionali e rivalutazione medico-psichiatrica.
Il trattamento é della durata di 1 anno rivalutabile, ed é composto da 1 seduta settimanale individuale e 1 seduta settimanale di gruppo – skills training (entrambe le sedute potranno essere videoregistrate previo consenso informato del paziente) Sono previsti inoltre:
– supporto farmacologico e controlli periodici di sangue e urine, ove necessario.
– consultazione telefonica con il terapeuta individuale
– discussione dei casi clinici durante la riunione settimanale dei membri del team.

Tutti i nostri terapeuti sono membri della SIDBT (Società Italiana DBT), l’unica riconosciuta in Italia per il trattamento dialetticocomportamentale e si sono formati seguendo il training intensivo condotto da M.Linehan (Università di Washington, Seattle, USA),ideatrice del metodo.
Per maggiori informazioni sul trattamento e sui risultati:
faculty.washington.edu/linehan/

Il team

Martina Testa: team leader, psicoterapeuta, terapeuta individuale DBT, Skills Trainer

Pietro Ramella: psicoterapeuta in formazione, terapeuta individuale DBT in formazione, Skills Trainer in formazione

Marco Cavicchioli: psicoterapeuta in formazione, terapeuta individuale DBT in formazione, Skills Trainer in formazione

Giulia Vassena: psicoterapeuta in formazione, terapeuta individuale DBT in formazione, Skills Trainer in formazione

Gaetano Altieri: educatore professionale

Mariagrazia Movalli: medicoresponsabile del Servizio Alcoldipendenze, supporto psichiatrico DBT

Per invii e informazioni sul trattamento contattare:
Dott.ssa Martina Testa tel. 02-26433226 (lasciare nome e numero di telefono in segreteria telefonica in caso di mancata risposta e verrete richiamati).
Le sedute si svolgeranno in regime ambulatoriale c/o HSR-Turro (Via Stamira D’Ancona, 20, Milano).

Ospedale San Raffaele – Ville Turro – Disturbi di personalità

Chi Siamo:

-Cesare Maffei: medico psichiatra, psicoterapeuta, primario del Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia, terapeuta individuale DBT, conduttore di skills training

-Raffaele Visintini: medico psichiatra, psicoterapeuta, responsabile day hospital per il trattamento dei disturbi di personalità, terapeuta individuale DBT

-Nicolò Gaj: psicologo psicoterapeuta, terapeuta individuale DBT e conduttore skills training, team leader

-Edoardo Besson: psicologo, terapeuta individuale DBT

-Stella Granozio: psicologa, terapeuta individuale DBT

-Cinzia Facchi: psicologa psicoterapeuta, terapeuta individuale DBT e conduttrice skills training

-Lucrezia Lombardi: psicologa, terapeuta individuale DBT

-Emanuela Roder: psicologa psicoterapeuta, terapeuta individuale DBT e conduttrice skills training

-Giulia Ruggiero: psicologa, terapeuta individuale DBT e conduttrice di skills training

-Martina Segrini: psicologa psicoterapeuta, terapeuta individuale DBT e conduttrice skills training

-Camilla Rugi: psicologa, affiliata al team

 

Che cosa curiamo:

Vengono inseriti nel protocollo i pazienti che presentano le seguenti caratteristiche:

– Diagnosi principale di disturbo di personalità Borderline

-Elevati livelli di impulsività, disregolazione emotiva e pericolosità, per sè e per gli altri (gesti autolesivi, condotte pericolose, tentativi suicidari)

– Eventuali diagnosi psichiatriche da ricondursi alla presenza di un disturbo di personalità considerato come clinicamente primario

L’inserimento nel trattamento è preceduto da un percorso di valutazione psicodiagnostica costituito dalla somministrazione di una batteria testale e da alcuni colloqui clinici.

 

Programma:

Il team utilizza il protocollo DBT standard per individui con disregolazione emotiva. Tale protocollo prevede un lavoro integrato dei componenti dell’equipe, che si riunisce settimanalmente, e le seguenti attività cliniche:
– Una o più sedute settimanale individuali, a seconda della necessità e della valutazione del team (incluso il supporto telefonico, da concordare con il terapeuta).
– Una seduta settimanale di skills training in gruppo. L’attività è finalizzata all’apprendimento di specifiche abilità legate alla gestione delle caratteristiche centrali del disturbo Borderline di personalità.
– Eventuale supporto farmacologico da parte dello psichiatra.
– Riunione settimanale del team. I membri del team si riuniscono settimanalmente al fine di garantire l’erogazione adeguata del trattamento in base alle caratteristiche del paziente e della specifica fase del trattamento.

Il trattamento viene erogato in due tipologie di setting, secondo la valutazione dei membri del team:
– Ambulatoriale
– MAC (Macroattività Ambulatoriale Complessa)

 

Contatti:

Sede operativa:
Ospedale San Raffaele-Turro,
via Stamira d’Ancona 20,
20127 Milano

Per informazioni Tel. +39 02 2643 3238/4444
Segreteria Tel. +39 02 2643 3241

Email:

cesare.maffei@hsr.it

raffaele.visintini@hsr.it

nicolo.gaj@hsr.it

Sito istituzionale: http://www.hsr.it/clinica/specialita-cliniche/psicologia-clinica-e-psicoterapia/

 

Ospedale San Raffaele, Milano

Trattamento DBT per pazienti con disturbo borderline di personalità e bulimia nervosa

La terapia dialettico-comportamentale (DBT) di Marsha Linehan è un trattamento ad orientamento cognitivo-comportamentale integrato sviluppato per la cura del disturbo borderline di personalità.
Il modello si basa sul presupposto che i soggetti con disturbo borderline di personalità presentano un deficit principale: la difficoltà di regolare le proprie emozioni (disregolazione emotiva). Da questo deficit deriverebbero le altre difficoltà di chi ha questo disturbo: l’instabilità nelle relazioni interpersonali, la disorganizzazione cognitiva e comportamentale, l’instabilità dell’identità personale. La reazione emotiva di chi ha questo disturbo è molto più immediata, marcata e duratura rispetto a quella delle altre persone (vulnerabilità emotiva), per cui gestire le proprie emozioni diventa più difficile. Anche nella Bulimia Nervosa questa difficoltà sarebbe il risultato della combinazione tra vulnerabilità emotiva e inadeguate abilità di regolazione emotiva adattiva. Ciò comporta deficits nella denominazione, monitoraggio, modifica e accettazione delle emozioni.
Come conseguenza, chi soffre di questa patologia frequentemente utilizza mezzi inadeguati per controllare le emozioni, quali binge-eating (abbuffate) e condotte di eliminazione. Questi comportamenti possono alterare o influenzare le emozioni distraendo o sopprimendo l’esperienza e l’espressione emotiva.Il temporaneo sollievo così ottenuto rinforza l’uso delle abbuffate e delle condotte di eliminazione come strategie di regolazione emotiva. Questi comportamenti diventano così automatici ed interferiscono con l’uso e l’apprendimento di strategie più adattive.

La presa in carico ed il trattamento

  • valutazione diagnostica
  • 4 sedute motivazionali di pretrattamento
  • accordo terapeutico sul programma e sugli obiettivi del trattamento
  • seduta individuale settimanale
  • seduta di skills training settimanale
  • consultazione telefonica con il terapeuta individuale
  • eventuale terapia farmacologica gestita da uno psichiatra esterno al team

Possono partecipare al trattamento pazienti che hanno un’età compresa tra i 20 e i 40 anni e a cui sono stati diagnosticati un disturbo alimentare di tipo bulimico unitamente al disturbo borderline di personalità. Sono esclusi dal trattamento soggetti con ritardo mentale, con diagnosi di psicosi, di disturbo bipolare, e con disturbo da dipendenza da sostanze e/o alcol
La terapia è su base volontaria. La durata media del trattamento è di 1 anno. Al termine della prima annualità vengono valutati i risultati ottenuti e il team decide assieme al paziente l’eventuale prosecuzione della terapia. Le sedute possono essere audioregistrate o videoregistrate. I dati sono trattati secondo la vigente normativa sulla privacy (ex. Art.23 D.L.vo 196/03).
Ogni settimana il team si riunisce per discutere i casi di tutti i pazienti presi in carico, per discutere l’aderenza al protocollo terapeutico e per valutare nuove richieste di trattamento.
Gli invii di nuovi pazienti devono essere indirizzati al responsabile del team Dott.ssa Alessandra Bosaia cell.3394606775.
Tutti i nostri terapeuti sono membri della Società Italiana DBT, l’unica riconosciuta nel nostro Paese, e hanno appreso il trattamento seguendo un training intensivo condotto da M. M. Linehan e K. Korslund (Università di Washington, Seattle, USA), la prima ideatrice del metodo e referente per i risultati di efficacia certificati negli studi di ricerca internazionali ad oggi effettuati. Per maggiori informazioni sul trattamento e sui risultati si veda il sito http://faculty.washington.edu/linehan/

Il team

  • Bosaia Alessandra, psicologa – psicoterapeuta, specializzata in psicologia clinica (responsabile e coordinatore nel programma DBT). Cell. 3394606775
  • Mapelli Francesca, psicologa – psicoterapeuta, specializzata in psicologia clinica
  • Paglia Alessia, psicologa clinica
  • Rocco di Torrepadula Caterina, psicologa – psicoterapeuta, specializzata in psicologia clinica

Tutti i terapeuti operano presso il Centro Disturbi Alimentari dell’Ospedale San Raffaele, Milano.

Casa di cura Villa dei Pini, Firenze

Trattamento DBT del disturbo borderline di personalità bulimia nervosa e binge eating disorder

Il programma terapeutico DBT si è dimostrato efficace nel trattamento dei comportamenti suicidari e autolesivisi e nella riduzione dei comportamenti che minacciano la vita (Linehan et al, 2006) riportando esiti migliori rispetto ai trattamenti classici (treatment as usual- TAU) per il disturbo borderline di personalità (Stanlet et al., 1998; Koons, Robins, 2001). Nella pratica clinica della Casa di Cura Neuropsichiatrica Villa dei Pini applichiamo da 4 anni il protocollo di trattamento DBT standard (Linehan, 1993) per pazienti borderline ad alto rischio suicidario con comportamenti disfunzionali di disregolazione emotiva. Coerentemente con le recenti evidenze sperimentali abbiamo inoltre introdotto la versione della DBT adattata alla Bulimia Nervosa e al Binge Eating Disorder, seguendo le linee guida di Safer e colleghi (2009).

Obiettivi del trattamento

  • Ridurre e eliminare i comportamenti suicidari, i comportamenti che interferiscono con la terapia e con la qualità della vita.
  • Insegnare le abilità funzionali per regolare le proprie emozioni.
  • Migliorare la qualità di vita percepita.

Destinatari

  • Pazienti con diagnosi di Disturbo Borderline di personalità a rischio suicidario e/o con comportamenti disfunzionali di disregolazione emotiva.
  • Pazienti con diagnosi di BN e BED, non a rischio suicidario, in assenza di diagnosi di disturbo borderline di personalità.
  • Sono esclusi dal trattamento soggetti con diagnosi di psicosi, di disturbo bipolare e con disturbo di dipendenza da sostanze e/o alcol.

La presa in carico ed il trattamento

  • Assessment psicodiagnostico e definizione dei target del trattamento -Condivisione e sottoscrizione degli Accordi Terapeutici
  • 1 seduta di terapia individuale settimanale
  • 2 gruppi di skills training settimanali
  • Consultazione telefonica con il terapeuta individuale
  • Controllo farmacologico settimanale gestito dal referente psichiatra del team
  • Gruppo di skills training per i familiari, a cadenza settimanale
  • 1 Colloquio settimanale con la dietista ( DBT per DCA)

Il team si riunisce settimanalmente per discutere i singoli casi e per valutare nuove richieste di trattamento. E’ previsto uno sportello di consultazione settimanale per il personale di reparto ( infermieri, medici di guardia, ecc.) gestito dagli skills trainers; il personale partecipa periodicamente a momenti formativi ai principi e alla pratica clinica della DBT, interni alla struttuta.
Il trattamento DBT viene effettuato in regime di ricovero nei casi in cui:

  • Il rischio di suicidio è molto elevato e/o associato a stati dissociativi
  • E’ necessario monitorare l’assunzione della terapia farmacologica per rischio di abuso
  • Il paziente non risponde ai trattamenti terapeutici
  • E’ necessario mettere in sicurezza il paziente (condizioni ambientali altamente sfavorevoli e/o assenza di supporto sociale)

In tutti gli altri casi è preferibile attivare il trattamento in regime ambulatoriale, al fine di ottimizzare il consolidamento e la generalizzazione delle abilità apprese.

La durata media del trattamento è di 6 mesi. Al termine del percorso vengono valutati i risultati ottenuti e il team decide assieme al paziente l’eventuale prosecuzione della terapia.

I Terapeuti del team sono membri della Società Italiana DBT (www.SIDBT.it), l’unica riconosciuta nel nostro Paese, e hanno partecipato al primo training intensivo italiano condotto da M. M. Linehan e K. Korslund (Università di Washington, Seattle, USA), ideatrice del metodo e referente per i risultati di efficacia certificati negli studi di ricerca internazionali ad oggi effettuati.
Per maggiori informazioni sul trattamento e sui risultati si veda il sito:
faculty.washington.edu/linehan/

Il team

  • Primario: Dott. Fosco Bandinelli
  • Dott. Massimo Scalini (Psichiatra di riferimento per il trattamento farmacologico dei pazienti DBT)
  • Dott. Alessandro Rachini, psichiatra e psicoterapeuta, Team Leader e Terapeuta Primario
  • Dott. Angela Perone: psichiatra e psicoterapeuta, Terapeuta Primario
  • Dott. Caterina Pieraccioli: psicologa e psicoterapeuta, Skills Trainer per pazienti e familiari
  • Dott. Laura Plateroti: psichiatra e psicoterapeuta, Terapeuta Primario
  • Dott. Valentina Silvani: psicologa, Skills Trainer per pazienti e familiari

Gli invii di nuovi pazienti e le informazioni sul trattamento devono essere indirizzati al responsabile del team Dott. Alessandro Rachini:
Tel. 055-221691, lunedì, mercoledì, venerdì

ASL di Milano
Dipartimento Dipendenze – SERT 1
Via Canzio, 18 – 20131 Milano

Trattamento DBT per pazienti con abuso di sostanze e disturbo borderline di personalità

La Terapia Dialettico Comportamentale (Dialectical Behavior Therapy – DBT) è un trattamento di comprovata efficacia ideato da Marsha Linehan (1993) per la cura del Disturbo Borderline di Personalità; nella sua applicazione all’abuso di sostanze (DBT – S), è il primo trattamento integrato che si rivolge in modo specifico e integrato alla cura di entrambi i disturbi. Secondo il modello, caratteristica centrale del disturbo borderline è la difficoltà nel regolare e gestire le emozioni, da cui deriverebbero l’instabilità comportamentale e gli altri sintomi spesso associati; tra questi, l’abuso di sostanze/alcol, che viene visto come un tentativo di autoregolazione emotiva, che esita tuttavia in una maggiore compromissione cognitiva, comportamentale, relazionale e della qualità della vita. In linea con le evidenze scientifiche, in presenza di tale “doppia diagnosi” curare solo un sintomo, per esempio solo l’abuso di sostanze senza trattare il nucleo di fondo della vulnerabilità emotiva, può consentire di arrivare a un compenso solo temporaneo che può non reggere alla prova di eventi critici successivi. Anche curare prima l’uno poi l’altro disturbo risulta più costoso che efficace, in termini di trattamenti e insuccessi ripetuti, assieme a frustrazione per il paziente e i familiari e ai costi per i Servizi.

Presa in carico e trattamento

Il trattamento viene offerto a persone con diagnosi di disturbo borderline e abuso o dipendenza da sostanze/alcol in carico al Servizio (SERT). In quanto tale è gratuito. Sono esclusi dal trattamento pazienti con ritardo mentale o con Disturbo psicotico. Il trattamento integra in modo dialettico diverse strategie terapeutiche a quelle cognitivo-comportamentali di base. E’ finalizzato a raggiungere prioritariamente il controllo comportamentale attraverso l’acquisizione di specifiche abilità, nella prospettiva di promuovere “una vita degna di essere vissuta”.
Il programma prevede una durata di 1 anno, rinnovabile, e si articola come segue:

  • Valutazione diagnostica e verifica dei criteri di ammissione al trattamento
  • Colloqui di Pre-trattamento
  • Psicoterapia individuale (settimanale)
  • Gruppo di Skills Training (apprendimento delle abilità) (settimanale) Mindfulness, Regolazione Emozionale, Tolleranza della Sofferenza, Efficacia Interpersonale; abilità specifiche per gestire il craving e prevenire le ricadute
  • Coaching individuale sulle abilità
  • Consultazione telefonica con il terapeuta individuale
  • Interventi rivolti a familiari: Gruppo psicoeducativo, Consultazione/Terapia Familiare
  • Trattamenti farmacologici e/o riabilitativi in integrazione dallo psichiatra e da altri operatori del Servizio

Il team

Il team, costituitosi nel 2003, dopo una consolidata esperienza clinica nelle dipendenze e una formazione riconosciuta sulla DBT applicata all’abuso di sostanze (Dialectical Behavior Therapy Applied to Substance Abuse), ha partecipato al primo training intensivo italiano condotto da M. Linehan e K. Korslund (Università di Washington, Seattle, USA), ideatrice del metodo e referente per i risultati di efficacia certificati negli studi di ricerca internazionali ad oggi effettuati (per maggiori informazioni sul trattamento e sui risultati si veda il sito: faculty.washington.edu/linehan).
I terapeuti del team sono membri della Società Italiana DBT, SIDBT (sidbt.it), l’unica riconosciuta nel nostro paese:

  • Doriana Losasso: Psicologa psicoterapeuta; Team leader; Terapeuta individuale e Conduttore gruppo di Skills Training
  • Idelmina Crepaldi: Assistente sociale; Conduttore gruppo psicoeducativo per familiari
  • Marina Leoni: Educatore Professionale; Conduttore gruppo di Skills Training
  • Lucia Murgo: Medico Psicoterapeuta; Terapeuta individuale
  • Patrizia Trevisani: Psicologa psicoterapeuta;Terapeuta individuale e Conduttore gruppo di Skills Training
  • Bruna Palonta: Assistente sociale; Conduttore gruppo di Skills Training
  • Gianmaria Zita: Medico psichiatra per il trattamento psicofarmacologico

Per informazioni:
Dott.ssa Doriana Losasso:
Tel. 02 8578284602 85782831
dlosasso@asl.milano.it

Per accedere al trattamento:
Marina Leoni
Tel. 02 8578283902 85782831
mleoni@asl.milano.it
Per ulteriori informazioni:
asl.milano.it

Team DBT Pavia

Il Team DBT di Pavia è un’equipe privata composta da psicoterapeuti e medici psichiatri con una competenza specialistica nel trattamento di pazienti impulsivi con diverse forme di autolesività.
Alcuni membri dell’ equipe hanno un’ esperienza specifica nel trattamento dei disturbi di personalità in comorbilità con uso di sostanze.

Destinatari del trattamento

  • Pazienti impulsivi con comportamenti autolesivi, parasuicidari o suicidari
  • Pazienti impulsivi polisintomatici con disregolazione emotiva pervasiva che coinvolge aree diverse del comportamento (disturbi alimentari, dipendenze, etc.)

La presa in carico ed il trattamento

  • Valutazione psicodiagnostica
  • Sedute motivazionali di pre-trattamento
  • Seduta individuale a cadenza settimanale
  • Seduta di gruppo di apprendimento di abilità psicosociali (skills training) a cadenza settimanale
  • Consultazione telefonica con il terapeuta individuale, finalizzata alla prevenzione delle crisi
  • Terapia farmacologia gestita da uno psichiatra del team, in accordo con i principi di base del trattamento
  • Riunione di consultazione settimanale del team allo scopo di mantenere l’efficacia del trattamento

Composizione del team di Pavia

  • Lavinia Barone, Psicologa psicoterapeuta, Università degli Studi di Pavia (responsabile e coordinatore nel programma DBT)
  • Sandra Basti, psicologa psicoterapeuta
  • Giulia Rancati, psicologa psicoterapeuta
  • Alessia Renzoni, psicologa psicoterapeuta
  • Laura Rigobello, psicologa psicoterapeuta
  • Marta Sacco, psicologa psicoterapeuta

Contatti

I nostri terapeuti operano nella città di Pavia e Milano
Per maggiori informazioni visitate il nostro sito dbtpavia.it oppure contattaci a info@dbtpavia.it

Terzo Centro, Roma

Trattamento DBT per pazienti con disturbo borderline di personalità

La Terapia Dialettico Comportamentale è un programma terapeutico di comprovata efficacia finalizzato a ridurre le difficoltà nella regolazione emotiva e all’acquisizione di alcune abilità tipicamente carenti nei pazienti con Disturbo Borderline di Personalità.
Il trattamento è particolarmente indicato per pazienti con Disturbo di Personalità che presentano comportamenti autolesivi, parasuicidari, difficoltà nelle relazioni interpersonali e disturbi dell’identità. Sono esclusi dal trattamento pazienti con ritardo mentale o psicosi.

La presa in carico ed il trattamento

Il programma di trattamento del Team DBT del Terzo Centro di Roma, prevede:

  • a. colloqui di valutazione e orientamento al trattamento con test diagnostici (2/4 sedute)
  • b. Da 1 a 4 sedute motivazionali e formulazione del contratto per il trattamento DBT
  • c. Sedute individuali a cadenza settimanale (1 o due a seconda della gravità)
  • d. Sedute di gruppo di Skills training DBT a cadenza settimanale (2 ore)
  • e. Terapia farmacologica e visite psichiatriche regolari (se e quando necessarie)
  • f. test di valutazione dell’andamento della terapia a scadenza semestrale
ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Il team DBT del Terzo Centro si riunisce con scadenza settimanale per informare tutti i membri del Team riguardo agli sviluppi e ai problemi dei singoli pazienti nella terapia individuale e negli Skills training e per decidere le linee d’intervento rispetto a ciascuna specifica situazione. Le sedute possono essere audio o video registrate secondo le disponibilità del paziente, i dati sono trattati secondo la norma vigente sulla privacy (ex. Art. 23 D.L.vo 196/03).

La durata media di ciascun trattamento è di circa 1 anno, al termine del quale il paziente viene valutato rispetto agli obiettivi ottenuti. Il team, in accordo con il paziente, si riserva di valutare i tempi e le modalità di una eventuale prosecuzione della terapia.

IL METODO

I terapeuti sono tutti membri della società Italiana DBT (SIDBT), e hanno appreso il trattamento seguendo un training intensivo condotto da M. Linehan e K. Korslund, Universita’ di Washington, Seattle, USA.
Marsha Linehan è l’ideatrice del metodo e autrice di diversi lavori internazionali di ricerca che dimostrano l’efficacia della terapia DBT su pazienti con disregolazione emotiva.

Per maggiori informazioni sulla DBT si veda il sito:
faculty.washington.edu/linehan/

Il team

  • Donatella Fiore, Psichiatra psicoterapeuta (responsabile e coordinatore nel programma DBT)
  • Livia Colle, Psicologa psicoterapeuta, ricercatrice Università degli Studi di Torino
  • Stefania D’Angerio, Psicologa psicoterapeuta
  • Elisabetta Pizzi, Psicologa psicoterapeuta
  • Benedetta Russo, Psicologa psicoterapeuta
  • Marina Russo, Psicologa psicoterapeuta

Per informazioni ed iscrizioni
Dott. ssa Donatella Fiore,
tel. 392 9133337
Dott.ssa Stefania D’angerio,
tel. 3492561349

www.terzocentro.it

Team di Piacenza

Perchè la DBT

La terapia dialettico-comportamentale (DBT, Dialectical Behavior Therapy) è un trattamento consolidato per la cura di gravi disturbi della personalità. Frequentemente i pazienti con DUS e con DCA presentano problemi comportamentali quali autolesionismo e condotte impulsive. Studi controllati (Dimeff & Linehan, 2008; Robinson & Safer, 2011) hanno dimostrato che entrambi i programmi permettono di ottenere una riduzione della sintomatologia rispetto ai trattamenti standard.

A chi si rivolge il trattamento

Il programma è rivolto a pazienti di età compresa tra i 18-40 anni con disturbo da dipendenza da uso di sostanze (DUS) e/o a pazienti con disturbo del comportamento alimentare; intervento standard e adattato per i DCA ( D.Safer, C.F. Telch e altri, 2011) in cui il disturbo sia associato a diagnosi di disturbo di personalità. Il trattamento DBT è un trattamento specialistico offerto a persone in carico al SerT.

Cosa proponiamo

L’accesso al trattamento DBT standard avviene tramite presa in carico del SerT. Il programma prevede: fase di pre-trattamento (2-4 sedute): allo scopo di concordare le modalità di trattamento e gli impegni condivisi di lavoro tra paziente e terapeuta. fase di trattamento: inizialmente concordata per un periodo di 1 anno e prevede incontri settimanali di psicoterapia individuale e di skills training (un gruppo psicoeducativo, dove i pazienti possono apprendere e perfezionare la capacità di modificare alcuni schemi comportamentali), contatti telefonici di consulenza, supporto ai familiari.

Il nostro team DBT

Il team DBT di Piacenza è composto da operatori del SerT Levante – Cortemaggiore (Pc),da operatori della Comunità Terapeutica- riabilitativa “Casa di Lodesana”- Fidenza (Pr) e dalla dott.ssa Angela Draisci – Medico Psichiatra, Psicoterapeuta.

Rossana Spotti: Team Leader, Terapeuta individuale conduttrice gruppo skills training Psicologa Psicoterapeuta
Silvia Cabrini: Terapeuta individuale, conduttrice gruppo skills training, Psicologa Psicoterapeuta
Paolo Nicastro: Conduttore gruppo skills training, Educatore professionale
Flavio Bonfà: Medico prescrittore
Elena Uber: Case Manager ,Terapeuta familiare sistemico relazionale
Angela Draisci: Terapeuta individuale, Medico Prescrittore
Marco Begarani: Conduttore gruppo skills training, Educatore professionale
Massimo Sabasco: Conduttore gruppo skills training, Educatore professionale

 

Come contattarci

Per avere informazioni rispetto al programma DBT è necessario contattare i servizi che fanno parte del progetto:

Ser.T di Levante
Dott.ssa Spotti:
Tel. 0523-832837
email: R.Spotti@ausl.pc.it

Paolo Nicastro:
Tel. 0523-832822
email: P.Nicastro@ausl.pc.it

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche – AUSL di Piacenza

Comunità Lodesana:
Marco Begarani o Massimo Sabasco
Tel. 052483402
www.casadilodesana.org

Dott.ssa Angela Draisci
Via Senofonte n.9 Milano
Tel. 339\8512726

Team DBT Villa Azzurra – in formazione

Il team

Ospedale privato accreditato – Sede Riolo Terme (RA)
Via Cavina, 9 – 48025 Riolo Terme (Ra)
Tel. +39 0546 978911
Fax +39 0546 74430 – 71775

Per le informazioni sul trattamento DBT ed i contatti per gli invii dei
pazienti il riferimento è la Dott.ssa Monica Marchini, Team leader, contattabile al
recapito telefonico della clinica, o al seguente indirizzo di posta teamdbtvillaazzurra@gmail.com
In sua assenza è possibile rivolgersi alla Dott.ssa Gloria Samory contattabile
al recapito telefonico della clinica.

Il Team propone il trattamento DBT sia in regime di ricovero che ambulatoriale. I ricoveri a Villa Azzurra possono essere
effettuati in urgenza o in maniera programmata, anche per pazienti provenienti da regioni diverse dall’Emilia Romagna.

Dipartimento di Neuropsichiatria Infantile Policlinico “Umberto I” – Università “La Sapienza”, Roma

La terapia dialettico-comportamentale (DBT- Dialectical Behavior Therapy) è un metodo di trattamento consolidato per la cura di gravi disturbi della personalità.
Il programma DBT del nostro centro è rivolto a pazienti adolescenti con Disturbo da Autolesionismo Non Suicidario (NSSI) e Disturbo da Comportamento Suicidario (SDB). Evidenze scientifiche hanno considerato gli atti autolesivi non solo uno specifico sintomo, ma una dimensione trans-diagnostica, rintracciabile in molte condizioni psicopatologiche che condividono una dimensione di disregolazione emotiva.
Considerata l’espansione del fenomeno e il progressivo aumento dei ricoveri ospedalieri per questi gravi comportamenti disfunzionali, dal 2008 è stata avviata una task-force per Disturbi NSSI e SDB in Adolescenza presso il Dipartimento di Neuropsichiatria Infantile del Policlinico Umberto I in collaborazione con l’Università di Roma “Sapienza”.
L’assessment psicodiagnostico sviluppato nel corso degli anni ha permesso di costituire un team di esperti sulla diagnosi e il trattamento dell’NSSI e SDB in Adolescenza: dal 2014 sono stati avviati gruppi di skill training e psicoterapia individuale coerentemente alla versione della DBT (Linehan et al.) adattata ad adolescenti e le loro famiglie.

Obiettivi del trattamento

  • Ridurre ed estinguere i comportamenti suicidari e para suicidari;
  • Ridurre i comportamenti che interferiscono con la terapia;
  • Insegnare le abilità funzionali (skills) per implementare le competenze che rendono possibile la regolazione emotiva;
  • eneralizzare le abilità insegnate in terapia nella vita quotidiana.
  • Migliorare la qualità di vita del paziente e dei suoi familiari.

Destinatari

Soggetti Adolescenti di entrambi i sessi con range di età 12-18 anni che presentano:

  • Disturbi del comportamento con alto rischio suicidario (SDB) e/o con comportamenti autolesivi NSSI
  • Disturbi della regolazione emotiva associata a comportamenti disfunzionali all’interno di un’Organizzazione di Personalità Borderline o di atri Disturbi di Personalità di Cluster B
  • Sono esclusi dal trattamento soggetti con Diagnosi di psicosi, di Spettro Autistico e/o con Disabilità Intellettiva

Il team

Il team “Sabelli Roma” si è costituito nel 2015, dopo la partecipazione al training intensivo condotto da M. M. Linehan ideatrice del metodo e K. Korslund (Università di Washington, Seattle, USA) referente per i risultati di efficacia certificati negli studi di ricerca internazionali, insieme al Dott. Cesare Maffei e alla Dott.ssa Lavinia Barone. I Terapeuti del team sono membri della Società Italiana DBT (www.SIDBT.it).

  • Dott.ssa Arianna Terrinoni- dirigente Medico, specialista in Neuropsichiatria infantile
  • Dott.ssa Gloria Pizzonia- Psicologa, Psicoterapeuta
  • Dott.ssa Federica DiSanto- dirigente Medico, specialista in Neuropsichiatria infantile
Contatti

Ambulatorio Generale 06 4997 2914 per accesso in prima visita specialistica di Neuropsichiatria infantile.
Per informazioni chiamare la dott.ssa Gloria Pizzonia al 320-0150155 o contattare la dott.ssa Arianna Terrinoni al seguente indirizzo mail: arianna.terrinoni00@gmail.com”

Per maggiori informazioni sul trattamento e sui risultati di efficacia del metodo si veda il sito: faculty.washington.edu/linehan/

Modalità di accesso

Gli invii di nuovi pazienti e le informazioni sul trattamento fanno parte di un progetto più ampio caratterizzato da una prima fase diagnostica con assessment specifico per le patologie suddette e l’inserimento degli adolescenti in una lista d’attesa per il trattamento dell’NSSI e SDB. Il progetto “pilota” secondo il modello DBT richiede una valutazione articolata e specifica degli utenti e permette attualmente una presa in carico “limitata” dei casi secondo caratteristiche e capacità organizzative coerenti agli obiettivi del Progetto stesso.

Trattamento DBT del Disturbo Borderline di Personalità

La Dialectical Behavior Therapy (DBT) è un programma terapeutico a orientamento cognitivo-comportamentale sviluppato da Marsha Linehan originariamente per il trattamento dei pazienti con diagnosi di Disturbo Borderline di Personalità (DBP) ad alto rischio suicidario.
La DBT è un modello evidence-based di comprovata efficacia, specifico per il DBP le cui caratteristiche includono: disregolazione emotiva, impulsività, difficoltà interpersonali, comportamenti
autolesivi e suicidari.

 

Obiettivi del trattamento

  • Ridurre: i comportamenti suicidari, i comportamenti che interferiscono con la terapia e con la qualità della vita
  • Incrementare: le abilità di mindfulness, regolazione delle emozioni, efficacia interpersonale, tolleranza alla sofferenza, autogestione
  • Migliorare la qualità di vita del cliente

 

Criteri di inclusione/esclusione

Sono inclusi nel trattamento i soggetti con diagnosi principale di disturbo borderline di personalità e i soggetti che presentano disregolazione emotiva e impulsività

Sono esclusi dal trattamento i soggetti con diagnosi di psicosi e ritardo mentale.

 

La presa in carico e il pre-trattamento

  • Assessment psicodiagnostico (colloquio clinico e valutazione testologica);
  • Orientamento al trattamento;
  • Definizione degli obiettivi della terapia;
  • Formulazione dell’accordo per il trattamento DBT.

 

Il trattamento

  • Sedute individuali a cadenza settimanale;
  • Sedute di gruppo di Skills Training DBT a cadenza settimanale;
  • Terapia farmacologica e visite psichiatriche regolari (se necessarie);
  • Re-test a cadenza semestrale.

Il team DBT si riunisce settimanalmente per decidere le linee d’intervento e confrontarsi riguardo al percorso terapeutico dei singoli pazienti.

 

Il team

ll Team DBT di Reggio Calabria è un’equipe privata composta da psicoterapeuti ad orientamento cognitivo-comportamentale. I terapeuti sono tutti membri della società Italiana DBT (SIDBT) e hanno effettuato un Training Intensivo in DBT riconosciuto dalla SIDBT.

Il team è formato da:

  • Paola Pazzano (Psicologa, Psicoterapeuta, Terapeuta individuale e conduttrice gruppo skills training, Responsabile e Coordinatrice del Team)
  • Annalisa Giordano (Psicologa, Psicoterapeuta, Terapeuta individuale e conduttrice gruppo skills training)
  • Olga Iiriti (Psicologa, Psicoterapeuta, Terapeuta individuale e conduttrice gruppo skills training)
  • Gaetano Mangiola (Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta individuale e conduttore gruppo skills training

Gli invii di nuovi pazienti e le richieste di informazioni sul trattamento devono essere indirizzati alla Dott.ssa Paola Pazzano, contatti: +39 392.1182098, email: paolapazzano@libero.it

Nutriamo la vita è il Centro di psicoterapia ambulatoriale della Cooperativa sociale io x tu x noi onlus, presso cui opera il Team DBT Caserta.

I nostri settori di interesse, in particolare, comprendono:

 

  • Disturbi di personalità, grave disregolazione emotiva e impulsività auto ed eterodiretta;
  • Disturbi di minori adolescenti e giovani;
  • Disturbi del comportamento alimentare;
  • Gambling e altre forme di dipendenza.

I membri del Team sono psicologi o psichiatri psicoterapeuti, ulteriormente specializzati in Dialectical Behavior Therapy, soci della Società Italiana DBT e in supervisione con un Didatta della Società (Donatella Fiore, Vice Presidente SIDBT). Alcuni sono anche formati nel trattamento dei Disordini alimentari e delle Dipendenze.
Presso il Centro i pazienti possono praticare psicoterapie individuali, di coppia e di famiglia, e gruppi di apprendimento delle skills DBT. E’ presente un Servizio di psicodiagnostica e la possibilità di consulenze psichiatriche e nutrizionali, a seconda delle specifiche problematicità.

 

Il Team è composto da:

 

  • Anna Falco, Psicologa, psicoterapeuta. Responsabile del Centro Nutriamo la vita e Coordinatrice del Team DBT Caserta
  • Giacomo De Caterina, Psichiatra e psicoterapeuta
  • Filomena Mirra, Psicologa e psicoterapeuta
  • Eugenio Di Rosa, Psicologo

 

Il Team lavora anche presso la Comunità dei girasoli di Cellole (Caserta), Centro di riferimento per il trattamento residenziale dei minori adolescenti con disturbi di personalità con la Dialectical Behavior Therapy.

 

CONTATTI
NUTRIAMO LA VITA, via CLANIO 14, 81100 Caserta
Tel. 0823 30 24 71; dott.ssa Falco 329 622 88 68; dott. De Caterina 328 884 81 86
Fax 0823 1602072
Mail: ioxtuxnoi@gmail.com
Ulteriori informazioni su:

www.ioxtuxnoi.org

www.linehaninstitute.org

www.sidbt.it

Chi Siamo:

Anna Maria Capodanno, Psicologa – Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale in formazione, Terapeuta individuale DBT e conduttore Skills Training, Team Leader

Elisa Galizia, Psicologa – Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale in formazione, Terapeuta individuale DBT e conduttore Skills Training

Silvestro Grimaldi, Psicologo – Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale in formazione, Terapeuta individuale DBT e conduttore Skills Training

Gabriella Palladino, Psicologa – Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale in formazione, Terapeuta individuale DBT e conduttore Skills Training

Marika Ugolino, Psicologa – Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale in formazione, Terapeuta individuale DBT e conduttore Skills Training

Che cosa curiamo:

Vengono inseriti nel protocollo i pazienti che presentano le seguenti caratteristiche:

 

  • Pazienti che soddisfano la diagnosi principale di disturbo di personalità Borderline (Asse II).
  • Pazienti con disregolazione emotiva, impulsività e pericolosità, per sé e per gli altri (gesti autolesivi, tentativi suicidari, etc.), difficoltà interpersonali e comorbidità con altri disturbi di asse I e II.
  • Diagnosi psichiatriche di Asse I con e senza la presenza di un disturbo di personalità.

 

L’inserimento nel trattamento è preceduto da un percorso di valutazione psicodiagnostica costituito dalla somministrazione di una batteria testale e da alcuni colloqui clinici.

 

Programma

Il programma di trattamento del Team DBT Napoli/Salerno, prevede:

 

  • Assessment: colloqui di valutazione e orientamento al trattamento con test diagnostici (2/4 sedute)
  • Da 1 a 4 sedute motivazionali e formulazione del contratto per il trattamento DBT
  • Terapia Individuale: sedute individuali a cadenza settimanale
  • Sedute di gruppo di Skills training DBT a cadenza settimanale
  • Terapia farmacologica e visite psichiatriche regolari (quando necessarie)
  • Follow-up: test di valutazione dell’andamento della terapia a scadenza semestrale

 

Il team, in accordo con il paziente, si riserva di valutare i tempi e le modalità della terapia.

 

Organizzazione del Lavoro

 

Il team DBT Napoli/Salerno opera in due sedi: Via Orazio 136/A, 80122 Napoli; Centro Maieutica, viale N. Granati, 5 – 84100 Salerno.

Il team si riunisce con cadenza settimanale per informare tutti i membri riguardo agli sviluppi e alle problematiche dei pazienti.

 

Il Metodo

 

I terapeuti sono tutti soci associati della società Italiana DBT (SIDBT) e abilitati al trattamento secondo le linee guida  del  M. Linehan Istitute.

 

Per maggiori informazioni sul Team Napoli/Salerno si veda il sito:  http://www.teamdbtnapolisalerno.it

Contatti:

Per accedere al trattamento:

Dott.ssa Gabriella Palladino

+39 389 9974447

Email: dbt.napoli.salerno@gmail.com

Team DBT – REMS, Castiglione delle Stiviere

ll sistema Polimodulare di REMS (Residenze per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza) provvisorie ospita pazienti psichiatrici autori di reato. Si tratta quindi di persone prosciolte per vizio di mente. Si compone di diverse unità operative, ciascuna con la propria equipe multidisciplinare. L’utenza si compone di una popolazione eterogenea sia per caratteristiche cliniche che per tipologia di reato e conseguente durata della misura.

Nello specifico, attualmente il sistema è costituito da: 1 REMS accoglienza, 1 REMS femminile, 3 REMS maschili di degenza/trattamento, 1 reparto in via di trasformazione e una comunità dedicata alle misure di sicurezza attenuate. Ogni equipe REMS (composta da: psichiatra, psicologo, coordinatore infermieristico, educatore professionale, assistente sociale, infermieri e OSS) ha in carico circa 20 pazienti.

 

Chi Siamo:

  • Erica Rossi: team leader, psicologo psicoterapeuta, leader skills training gruppo2, coleader skills training gruppo1, socio SIDBT
  • Adebajo Bruna: psicologo psicoterapeuta, leader skills training gruppo1, terapeuta individuale, socio SIDBT
  • Antonina Butticè: psicologo psicoterapeuta
  • Federica Di Tommaso: infermiera DBT
  • Pietro Malcangi: educatore professionale, coleader skills training gruppo2
  • Cristina Marchi: infermiera DBT
  • Francesca Mozzo: psicologo psicoterapeuta, terapeuta individuale
  • Emiliano Negri: psicologo psicoterapeuta, terapeuta individuale, socio SIDBT
  • Valentina Ruscelli: infermiera DBT

 

Che cosa curiamo:

Il team si occupa di pazienti psichiatrici autori di reato sottoposti a Misura di Sicurezza. In particolare si rivolge a persone affette da disturbo di personalità, in eventuale comorbilità con disturbi da abuso o dipendenza da alcol e/o sostanze, con quadri psicopatologici caratterizzati da comportamenti impulsivi, aggressivi o autolesivi, o più in generale entro i quali la disregolazione emotiva abbia un impatto rilevante.

 

Criteri di inclusione:

  1. pazienti che presentano un QI (valutato con reattivo standardizzato WAIS 4) superiore o uguale a 80; tra il 65 e 79 si rende necessario un approfondimento del funzionamento adattivo sulla base della valutazione che fa il DSM V;
  2. disturbo di personalità borderline come paziente di elezione; disturbi di personalità del Cluster B o altri disturbi di personalità previa valutazione del team. In particolare pazienti in cui è presente impulsività/reattività, a cui si accompagna una instabilità di tipo umorale e una disregolazione affettiva; pazienti con una storia di tentati suicidi e gesti autolesivi; pazienti con una storia di abuso di sostanze e/o alcool. I pazienti con comportamenti antisociali sono inclusi sempre che alla base di tali comportamenti vi sia una instabilità di tipo emotivo/affettivo, quindi in una organizzazione di personalità di tipo borderline.

Criteri di esclusione:

  1. pazienti che presentano un QI inferiore a 65;
  2. pazienti con patologia di tipo psicotico con sintomatologia positiva presente. Si decide di escludere i pazienti con una difficoltà nella remissione dei sintomi positivi: il paziente delirante, il paziente destrutturato, il paziente disorganizzato, il paziente frammentato, il paziente deteriorato;
  3. pazienti con presenza clinicamente significativa di psicopatia (con valutazione caso-specifico in corso di consultazione di team).

 

Programma:

Il programma DBT Rems si inserisce in un contesto pubblico di tipo residenziale che prevede differenti offerte trattamentali , entro la cornice dell’esecuzione delle Misure di Sicurezza, previa assegnazione da parte della Magistratura.

Il team ha progettato un programma DBT standard: skills training settimanale, terapia individuale settimanale con terapeuta DBT, coaching sui compiti (compilazione dei fogli di lavoro affiancata dall’infermiere DBT), consultazione di team settimanale tra i professionisti, consultazione telefonica con reperibilità previa valutazione del team.

  • Ingresso: i pazienti vengono individuati e proposti dalle équipe multidisciplinari delle REMS di degenza/trattamento; condivise le prime note diagnostico-anamnestiche nel corso della consultazione di team, il terapeuta individuale procede poi con il pre-trattamento.
  • Dimissione: se il termine del programma coincide con la dimissibilità giuridica, i pazienti possono essere dimessi al domicilio o presso altra struttura in accordo con i servizi territoriali di competenza. In alternativa, i pazienti terminano il percorso DBT, ma rimangono in REMS, con possibilità di re-training.

 

Sono attivi, inoltre, due gruppi di skills training, uno dedicato all’utenza femminile, e uno dedicato alle misure di sicurezza attenuate, presso la Comunità terapeutica forense “Gonzaga”.

 

Contatti: